Implenia fa parte del boom delle costruzioni in legno in corso a Winterthur

Con l’«Edificio Furrer», che fa parte dello sviluppo del nostro areale «KIM», Implenia costruisce una moderna struttura in legno a Winterthur. Con oltre 200 abitazioni e aree commerciali al piano terra, questo è un progetto pionieristico, proprio come la vicina sovracostruzione «sue&til».

Nel quartiere di Winterthur Neuhegi nasce un nuovo progetto faro Implenia: oltre al piano interrato, al piano terra e ai vani scala, l’Edificio Furrer è costruito interamente in legno. «Oggi il legno è sempre più in voga come materiale da costruzione», sostiene René Lutz. Il nostro direttore di progetto sta già realizzando il secondo grande progetto con questo materiale da costruzione sostenibile, facendo così esperienza nel campo, come nel caso del più grande edificio residenziale in legno della Svizzera, Sue & Til, situato all’altro lato della strada.

Tutto da un unico fornitore

L’Edificio Furrer è un progetto One Company: dalle fasi di sviluppo e concezione alla pianificazione, fino alla realizzazione, tutto viene svolto dalle divisioni Implenia. Sul posto, il team composto da un direttore della pianificazione e tre direttori dei lavori fa sì che i lavori procedano come pianificato.

Anche Swiss Life ne è convinta: nel giugno 2019, l’investitore ha rilevato il progetto con 208 appartamenti, variabili da 2.5 e 5.5 locali, su sette piani e sei aree commerciali al piano terra. Il costruttore punta alla certificazione Minergie-P con forte isolamento termico, facciata retroventilata e impianto fotovoltaico sul tetto.

2600 tonnellate di legno in sei tappe

Da fine luglio ha luogo la prima delle sei tappe totali nella costruzione in legno. Il vantaggio della costruzione verticale consiste nel consentire il trasferimento dei relativi locatori nelle sezioni già terminate, mentre in quella successiva proseguono i lavori. Nella prima tappa lungo la Sulzerallee, ad ottobre 2021 si trasferiscono i primi/le prime inquilini/e.

Fino ad allora, i nostri carpentieri continueranno a incorporare elementi di legno, per un totale di circa 6000 tonnellate. La materia prima naturale proviene dalla Germania meridionale e dall’Austria. I singoli elementi di legno sono interamente prefabbricati, in gran parte nella fabbrica di Implenia a Rümlang. Vengono forniti con breve anticipo per il montaggio. La pianificazione richiede più tempo della costruzione convenzionale, in quanto gli elementi vengono prodotti solo quando l’edificio viene pianificato in dettaglio. «In compenso, la fase di innalzamento è decisamente più rapida», afferma René.

Sala modello per l’isolamento acustico

Affinché gli inquilini/le inquiline si sentano a loro agio in ambienti alti con elementi del soffitto a vista, all’isolamento acustico viene riservata grande attenzione. I requisiti della SIA sono gli stessi delle convenzionali costruzioni in calcestruzzo: per le costruzioni in legno così grandi mancano in parte dei valori empirici. I tecnici dell’acustica si affidano a misurazioni in modelli di replica. 

Questo concerne in particolare la ventilazione controllata dell’abitazione mediante i cosiddetti ventilatori per facciate. Per le misurazioni acustiche e per testare la costruzione, da Implenia a Rümlang è stata creata una sala modello con i suddetti ventilatori per facciata. Un’altra misura importante per soddisfare i requisiti acustici di una costruzione in legno, sono i trucioli legati di dieci centimetri di spessore, che si trovano sul pavimento di legno grezzo. 

Legno, un piacere anche per l’olfatto

Una costruzione di legno non si differenzia da una struttura in calcestruzzo solo a livello ottico, di isolamento acustico e nella realizzazione ma anche in termini olfattivi: gli inquilini della sovracostruzione sue&til riferiscono che la nuova abitazione emanava un gradevole odore di legno quando si sono trasferiti. Anche l’Edificio Furrer, un altro progetto in legno di punta per Implenia, è menzionato nel contributo del programma SRF 10vor10 sul boom delle costruzioni in legno.